Scegliere consapevolmente: il LATTE VENETO

 

 

latte-2Si dice che “chi ben comincia è a metà dell’opera” e non potremmo essere più d’accordo se pensiamo che la filiera produttiva di un’azienda inizia sempre dalla scelta delle materie prime, le quali svolgono un ruolo decisivo sul livello qualitativo del risultato finale.

Per la realizzazione dei formaggi, qual è l’ingrediente fondamentale?

Non ci sono dubbi… il latte!

Cerchiamo di capire insieme il processo di selezione dei fornitori di questa materia prima.

 

Molti caseifici decidono di usare solo il latte proveniente da animali di loro proprietà –soprattutto nel caso di malghe e piccole realtà produttive, dove la quantità di prodotti caseari è limitata-, altri invece decidono di affidarsi a terzi e comprarlo quindi da stalle specializzate.

WCCOR1_0HQG9UZR-kGKG-U43040634410052KvD-1224x916@Corriere-Web-Bergamo-593x443

 

Decidere con quali fornitori collaborare è uno step importantissimo, perché rappresenta la prima grande variabile che determina la qualità ed il prezzo del prodotto finito. Beh facile, basta acquistarlo dove è più buono! Oppure dove costa meno! Eppure non è così semplice: in realtà esistono molte altre sfaccettature che vanno considerate e tenute ben a mente nella decisione.

Prima tra tutte? La provenienza.

Si perché il DOVE non riguarda solo prezzo e qualità, ma la dice lunga sulla filosofia e l’etica dell’azienda stessa.

 

latte2015Tanto si è parlato di quella famosa diffida ricevuta dall’Unione Europea, che imponeva (o invitava, dipende dalle diverse versioni fatte circolare) all’Italia di utilizzare il latte in polvere nella realizzazione dei prodotti caseari. Ma il Belpaese non ne vuole proprio sapere: soprattutto nel caso di formaggi DOP e IGP, rimane in vigore la legge emanata nel lontano 1974 che vieta la detenzione e trasformazione del latte in polvere nelle aziende casearie italiane. Purtroppo questo decreto non impedisce ad azienda estere di rifornire produttori italiani con il latte in polvere, ed il rischio di ritrovarci questi formaggi nel frigo di casa è davvero alto!

IMG_20160402_095207

Fortunatamente l’etichettatura viene in nostro soccorso, specificando le materie prime utilizzate nella realizzazione del prodotto caseario acquistato. Tracciabilità e trasparenza diventano quindi valori essenziali, strumenti di tutela anti-contraffazione sia nei confronti dei consumatori che degli stessi produttori.

 

Un altro aspetto che va considerato è che l’acquisto del latte proveniente da stalle locali rappresenta una scelta etica nei confronti delle latterie italiane. Nel caso del Caseificio Tomasoni, ricordiamo le parole di Eva: “…Per noi la qualità deve passare attraverso la sostenibilità: per valorizzare e salvaguardare le realtà locali ed i piccoli allevatori, scegliamo di comprare il latte solo di stalle altamente selezionate nella provincia di Treviso, in un raggio di 30-40 km dalla nostra sede.”

IMG_0036

 

La direzione intrapresa è dunque quella di valorizzazione del proprio territorio, che pone il latte veneto come protagonista della filiera produttiva Tomasoni, trasformato in stracchini e formaggi di prima
qualità, confezionati ancora oggi a mano uno ad uno.

 

One thought on “Scegliere consapevolmente: il LATTE VENETO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...